breaking-news, Italia, Sport & Tecnologia

Facebook, attenzione a virus che ruba dati sensibili e infetta cellulari

 Facebook-attenzione-a-virus-che-ruba-dati-sensibili-e-infetta-cellulari

La polizia postale italiana ha reso noto che i computer degli utenti che abitualmente utilizzano Facebook possono contrarre un pericoloso virus che riesce a decifrare i dati sensibili le le password per accedere a conti bancari.

La polizia postale invita gli utenti di Facebook a seguire alcuni importantissimi consigli per cercare di evitare che il computer sia infettato dal pericoloso virus.

La polizia postale ha avvisato gli utenti di Facebook della presenza di un virus sul social network utilizzando una delle pagine istituzionali del corpo denominata “Agente Lisa”.

Il messaggio, che è stato postato dalla polizia postale sulla pagina Facebook “Agente Lisa” ,è stato condiviso da ben 47 mila utenti.


La polizia di stato ha inserito il messaggio l’11 febbraio scorso ed ha avvisato gli utenti del famoso social network che c’è il rischio che possano essere “taggati” in una clip o in una foto postata da una persona conosciuta.

La polizia postale ha avvertito gli utenti di Facebook che: “È di questi giorni la segnalazione di un nuovo virus che si diffonde tramite i profili Facebook. Vi ritrovate taggati in un video o in una foto da un vostro amico (si tratta quasi sempre di pornografia) solo che il vostro amico non ne sa nulla e se, incuriositi, cliccate sul link, il vostro pc sarà infettato da un virus”.

La polizia postale precisa, inoltre, che il virus può essere presente anche nella chat di un gruppo e si può essere contagiati anche solo chattando con un proprio amico.

Il virus può colpire, oltre i computer, anche gli smartphone.

La polizia consiglia di non cliccare link che siano di dubbia provenienza ed, inoltre, di installare sul proprio pc un buon antivirus.

La polizia di stato raccomanda gli utenti di Facebook di scrivere sulla propria bacheca un avviso nel quale sia scritto  “che non avete taggato nessuno su video o foto e di non aprire link inviati a vostro nome perché si tratta di un virus”.