breaking-news, Italia

Giannone Pd frase choc su Paola Taverna è una zoc…

Giannone-Pd-frase-choc-su-Paola-Taverna-è-una-zoc...

Scontro molto acceso tra Gerardo Giannone, candidato al consiglio comunale di un comune campano e Paola Taverna, senatrice del Movimento Cinque Stelle.

Ad innescare una serie di polemiche è stato un tweet da parte di Gerardo Giannone, candidato del Partito Democratico al consiglio comunale di Casalnuovo in Campania, contro la senatrice grillina Paola Taverna.
Il tweet che ha provocato tantissime polemiche era il seguente: “La Taverna è una zo .… ola !!! Ed i grillini sanno solo offendere”.

Il messaggio postato sul social network ha creato non poche polemiche tra esponenti del Movimento Cinque Stelle e del Partito Democratico.

Francesco Nicodemo, esponente di spicco del Partito Democratico e componente dello staff dell’ufficio stampa di Matteo Renzi ha detto che le parole contenute nel tweet di Gerardo Giannone “sono inaccettabili”.

Dura è stata la replica di molti componenti dei vertici del Movimento Cinque Stelle.

L’onorevole grillino Luigi Di Maio, sulla sua pagina ufficiale di Facebook, ha postato le seguenti dichiarazioni di fuoco contro il Partito Democratico: “Ecco di che pasta sono fatti i candidati del Pd in Campania. Evidentemente dopo aver visto Paola Taverna in Tv, qualcuno ieri sera deve aver ‘rosicato’ non poco. Il Pd in Campania qualche settimana fa ha chiesto al M5S di escludere dalle liste comunali un nostro candidato che aveva fatto una battuta infelicissima sul Pd”.

L’esponente di spicco del Movimento Cinque Stelle ha dichiarato, inoltre, che il candidato che aveva rilasciato l’infelice battuta sul Pd ha si è ritirato dalla competizione elettorale.

Luigi Di Maio ha sostenuto che anche l’esponente del Pd autore del tweet contro la senatrice Paola Taverna dovrebbe rinunciare alla sua candidatura.

Gerardo Giannone, autore del tweet contro la senatrice Paola Taverna, ha reso noto che ha chiarito il senso delle sue parole con la sorella dell’esponente del Movimento Cinque Stelle.