breaking-news, Gossip & Spettacolo, Italia

Gabriele Muccino ai David di Donatello “sembrava che volassero coltelli”

Gabriele-Muccino-critica-i-David-di-Donatello-"sembrava-che-volassero-coltelli"

Giuseppe Marco Albano, giovane regista di soli trent’anni, vincitore del premio David di Donatello, con “Thriller” ha così commentato quello che è successo in sala all’arrivo di Gabriele Muccino alla manifestazione: “Ho percepito il clima pesante ieri sera alla cerimonia di premiazione dei David solo quando è entrato in sala Gabriele Muccino. Poverino, non è stato applaudito da nessuno”.

Gabriele Muccino, uno dei più grandi registi italiani conosciuti in tutto il mondo che ha anche diretto nella sua giovane carriera cinematografica artisti del calibro di Will Smith, non ci sta ed attacca su Twitter  la direzione dell’Ente David di Donatello.

Il giovane ma famoso regista italiano che sta girando negli Stati Unti d’America una nuova pellicola cinematografica dal titolo “Father&Daughters” che vede come protagonisti grandi star di Hollywood come Russell Crove,  Amanda Seyfried  e Aaron Paul ha postato una serie di commenti sulla serata del David Donatello che si è svolta lo scorso 12 giugno.

Gabriele Muccino ha parole di elogio solo per il conduttore della serata Tullio Solenghi ritenuto dal regista impeccabile; per il resto il regista ha molto da recriminare sulle decisioni della giuria.

Il primo tweet di Muccino è sulla premiazione che lo ha visto finalmente protagonista:

“Ieri sera ho ritirato un #David Speciale. Ma perché Speciale? Non ricevo candidature dal 2003 quando per #RicordatidiMe, su 13, ne vinsi 0”.

Il  celebre regista poi  ha commentato la serata delle premiazioni del David Donatello:

“E’ stato bello ieri sera alla premiazione dei #David ritrovarsi a casa!! Ma certo sembrava volassero più coltelli che in una macelleria. La Giuria dei #David non considerò i miei primi 2 film americani nemmeno candidabili nella cinquina dei film stranieri. 450 mln$ nel mondo”.

Muccino rincara la dose affermando che:

“Will Smith fu candidato all’Oscar per la Ricerca della Felicità. Ad un certo punto mi sono chiesto, ma premiano i più simpatici ( a loro ), i più sconosciuti o i migliori?”. Me lo chiedo da sempre. #david”.