breaking-news, Italia

Terremoti in tempo reale: ultimi aggiornamenti sciame sismico Campania

Terremoti-in-tempo-reale-ultimi-aggiornamenti-sciame-sismico-Campania

Oggi, 1 gennaio 2014 l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma ha registrato tre nuove scosse in zone diverse dell’Italia.

Stamane alle ore 7,32 ancora un evento sismico, anche se di lieve entità, di magnitudo 2.1, è avvenuto nel distretto dei Monti del Matese ad una profondità di 16,9 km.

I comuni vicini all’epicentro della scossa sono stati i seguenti: Castello del Matese, Gioia Sannitica, Piedimonte Matese, San Potito Sannitico in provincia di Caserta Cusano Mutri, Faicchio, Pietraroja in provincia di Benevento.

Sono più di 150 le repliche registrate subito dopo la forte scossa delle ore 18,08 del 29 dicembre, di magnitudo 4,9 nella zona del Matese.

La situazione attuale è che sono più di cinquecento le richieste di intervento ai vigili del fuoco per verificare lo stato di staticità di abitazioni ubicate nell’area colpita dal forte sisma di tre giorni fa.

Alcune persone hanno preferito passare il capodanno per strada per paura che si potesse verificare ancora una nuova forte scossa.

La regione Campania ha stanziato 200 mila euro per riparare la rottura delle tubazioni dell’acquedotto a San Gregorio del Matese avvenuta in seguito ad una frana creatasi in seguito al terremoto e per l’eliminazione di grossi massi pericolanti lungo la strada provinciale 331 nel tratto che percorre il comune di Castello Matese.

Alte due scosse sono state registrate in altre zone di Italia.

La prima, di magnitudo 2.3, è avvenuta alle 2,25 di ieri notte nel distretto sismico delle Prealpi Venete ad una profondità di km. 10,5.

I comuni vicini all’epicentro dell’evento tellurico sono stati: Arsiero, Laghi, Posina, Tonezza del Cimone, Torrebelvicino, Valli del Pasubio, Velo D’Astico in provincia di Vicenza.

La seconda, di magnitudo 2.9, in Sicilia, è stata registrata alle ore 2,59 tra le province di Ragusa e Siracusa vicino ai comuni di Ispica, Pozzallo in provincia di Ragusa e Rosolini, Pachino, Portopalo di Capo Passaro in provincia di Siracusa.

Sia in Veneto che in Sicilia non sono stati registrati danni nè a cose nè a persone.