breaking-news, Italia

Roma, trovate due anziane che vivono nel degrado, ma con 200 mila euro in casa

Roma-trovate-due-anziane-che-vivono-nel-degrado-ma-con-200-mila-euro-in-casa

Due anziane donne vivevano da sole in un’abitazione a San Giovanni in uno dei quartieri più popolosi di Roma in una situazione igienica molto precaria. Lo stato dell’appartamento in cui vivevano le donne era di assoluto degrado. A chiedere l’intervento della forza pubblica sono stati i vicini di casa che da tempo non vedevano le due anziane uscire dall’appartamento.

Sul posto sono intervenuti le forze dell’ordine del vicino Commissariato di San Giovanni che per spalancare la porta hanno chiesto l’aiuto dei vigili del fuoco. Gli uomini delle forze dell’ordine si sono trovati difronte a uno spettacolo che mai avrebbero immaginato di vedere. Le donne erano tutte e due cadute a terra ed erano in gravi condizioni di salute.

Le due donne sono state prima soccorse dai medici del 118 e poi sono state trasportate d’urgenza in un plesso ospedaliero della capitale, dove per la più anziana, non vi è stato più nulla da fare, mentre per l’altra donna di 80 anni la situazione era meno grave del previsto. La donna di 80 anni potrebbe presto essere dimessa.

Gli agenti di polizia dopo aver provveduto a soccorrere le donne hanno iniziato a rovistare la casa per cercare di trovare qualche indizio su come risalire ad eventuali parenti. I poliziotti hanno trovato, tra la tanta sporcizia presente nell’appartamento, un sacco stoffa contenente più di 100 mila euro. Gli agenti di polizia hanno continuato a rovistare nell’appartamento ed hanno trovato altri soldi sparsi per un ammontare complessivo di oltre 200 mila euro.

 Secondo gli investigatori il denaro recuperato nell’appartamento erano i risparmi di tutta una vita delle due donne che invece di depositarli presso un istituto bancario preferivano tenerli nascosti in casa.

Gli agenti di polizia, fino ad ora hanno cercato inutilmente, un parente delle due anziane signore, nel frattempo è stato nominato dalle autorità giudiziarie un amministratore di sostegno che come primo adempimento ha provveduto a versare l’ingente somma di denaro presso una banca della capitale. Intanto gli agenti del Commissariato di San Giovanni continuano ad indagare se le due donne avessero o meno dei familiari.