breaking-news, Italia

Modena, choc bambina di 4 anni muore per caduta lastra di marmo

Modena-choc-bambina-di-4-anni-muore-per-caduta-lastra-di-marmo

Ieri sera è successo quello che non doveva succedere a Castelfranco, un comune di oltre 32 mila abitanti nella provincia di Modena. Una bambina di soli 4 anni è morta a causa di un incredibile incidente. La piccola, che si chiamava Giulia Tabacchi stava giocando quando, per cause ancora in via di accertamento, si è appesa ad una mensola del camino di casa. Il gioco si è trasformato in tragedia quando una lastra installata sopra il camino si è staccata ed ha colpito in pieno la bambina spezzandole il collo.

Accanto alla piccola c’era il fratello di soli 8 anni che ha assistito impotente all’immane tragedia. Il tremendo evento è avvenuto intorno alle 19,00 di ieri sera e la piccola è stata subito soccorsa dai genitori che hanno capito immediatamente che le sue condizioni erano gravissime. Ad avvisare i genitori dell’incidente è stato il fratellino di 8 anni che era presente al momento del distacco della pesante lastra di marmo.

Quando è successo il tragico evento il padre e la madre di Giulia Tabacchi erano sul piano superiore della villa perché stavano preparando la cena. I due genitori hanno prima sentito il forte rumore poi sono stati avvisati del tragico evento dal figlio e hanno inutilmente tentato di soccorrere la loro piccola.

Sul posto sono intervenuti i medici del pronto soccorso che non hanno potuto far altro che accertare la morte della piccola. Sul posto é arrivata anche una pattuglia dei carabinieri che ha effettuato i rilievi di rito. Sul terribile incidente sta indagando il pm di Modena Enrico Stefani.

Il nonno della piccola Giulia Tabacchi ad un giornale locale ha così raccontato il tragico evento che è costato la vita a sua nipote: “Giulia stava giocando. Aveva acceso la musica e ballava, probabilmente si è attaccata a quella cornice di marmo attorno al camino che è caduta addosso e le è atterrata sul collo… Quella cornice l’ho vista, era attaccata con del silicone. Chi l’ha messa avrebbe dovuto pensare che prima o poi si sarebbe potuta staccare”.