breaking-news, Italia

Intercettato da due caccia italiani velivolo che volava senza permesso

Intercettato-da-due-caccia-italiani-un-aereo-che-volava-senza-autorizzazione

Una pasquetta che difficilmente dimenticheranno  i turisti e gli abitanti di Serzana in Liguria che hanno visto visto sfrecciare nei cieli per alcuni minuti due caccia italiani ad una velocità doppia a quella del suono. I turisti hanno avvertito un rumore assordante ed hanno pensato subito che era successo qualcosa di grave.

I due caccia si sono alzati in volo dalla base di Grosseto per intercettare un aereo che era partito dalla Francia e che stava sorvolando l’Italia senza alcun permesso. Il velivolo è stato affiancato dai caccia italiani ed è stato scortato al più vicino aeroporto francese.

La Pasquetta è stata un giorno molto movimentato nei cieli della Liguria. Due aerei Eurofighter dell’Aeronautica italiana hanno dovuto sorvolare il cielo prima della Toscana e poi della Liguria, per intercettare un velivolo che non era stato identificato dai ponti radar degli aeroporti vicini.

I due Eurofighter, che appartengono allo quarto stormo che ha come sede la base militare aerea della città di Grosseto, in pochi attimi hanno raggiunto il velivolo che non aveva stabilito un contatto con le torri radar presenti sul territorio nazionale. L’aereo che è stato intercettato era partito da Ajaccio in Francia ed aveva come destinazione Aughsbuegh in Germania.

L’Aereonautica ha poi reso noto che il velivolo sospetto è stato intercettato a Sarzana e il pilota ha avvisato i piloti dei due Eurofghter che voleva far ritorno in Francia ed atterrare ad Orange. I caccia italiani hanno scortato l’aereo sospetto fino al suo ritorno in Francia e all’atterraggio all’aeroporto stabilito.

L’aeronautica militare italiana, in seguito all’operazione eseguita di intercettazione del velivolo sospetto, ha diramato il seguente comunicato stampa: “I due Eurofighter hanno ricevuto l’ordine di decollo immediato, in gergo tecnico “scramble”, dal Caoc (Combined air operation center) di Torrejon, ente Nato responsabile nell’area, e sono stati controllati da Poggio Renatico, nel ferarrese, sito operativo del nuovo sistema Nato Air command and control system. L’Aeronautica militare italiana assicura, infatti, la sorveglianza dello spazio aereo nazionale 365 giorni all’anno, 24 ore su 24, con un sistema di difesa integrato con quello degli altri paesi appartenenti alla Nato”.

Molti turisti presenti il giorno di Pasquetta in Liguria hanno assistito al volo dei due caccia italiani che hanno raggiunto un’altissima velocità ed erano molto rumorosi. I due caccia italiani, ad un certo punto della loro missione, viaggiavano al doppio della velocità del suono per raggiungere quanto prima il velivolo che non era stato identificato.

In un primo momento i turisti liguri hanno pensato che i caccia italiani fossero impegnati in una operazione contro i terroristi islamici ma poi l’aeronautica militare italiana ha chiarito tutto ed ha spiegato come mai i due caccia italiani hanno sorvolato il cielo della Liguria ad una velocità supersonica.