breaking-news, Italia

Bari, uomo defeca per strada davanti agli occhi di tutti.  Una storia di degrado cittadino.

IMG-20160603-WA0004-e1464934985890-696x472

 

Disgusto per le vie del centro di Bari. Una delle vie più belle del centro murattiano scambiata per vespasiano a cielo aperto. Da un pò di tempo, come segnalato da numerosi cittadini, Corso Cavour, è frequentata da un uomo che nel tratto tra il Teatro Petruzzelli e la Chiesa del Sacro Cuore è solito fare i suoi bisogni fisiologici per strada senza badare a nulla.

Per lui la strada ad alta intensità di passanti e di traffico non è un problema. Il degrado che fino ad oggi era solo a vista dei malcapitati che si trovavano a passare durante i momenti topici di questo “signore” adesso è immortalato in una foto che ritrae l’uomo in questione, con maglietta verde, accovacciato dietro i bidoni dell’immondizia. A darne notizie è “La Gazzetta del Mezzogiorno”, quotidiano locale, che ha pubblicato la foto in apertura delle pagine di cronaca intitolando “Bivacco e toilette al Petruzzelli”.

La pubblicazione della foto non è di certo passata inosservata ed ha scatenato reazioni. Repentino l’intervento di Irma Melini, consigliere comunale di opposizione che scrive sulla sua pagina Facebook: “Corso Cavour tra degrado e indifferenza. Diverse le segnalazioni effettuate per iscritto e telefonicamente alla Polizia municipale, diversi gli interventi, troppe veramente troppe le volte in cui mamme con i bambini, signore a passeggio e, finanche, uomini adulti vengono insultati e molestati da un signore (sempre lo stesso e più che noto) che bivacca, urina e fa ogni genere di servizio in Corso Cavour, fra la Chiesa del Sacro Cuore e il Teatro Petruzzelli.
Urge una soluzione che riporti la sicurezza, l’ordine e il decoro anche in questa parte della città e non solo perché siamo nella famosa “vetrina”. Per completezza scriverò anche l’assessorato al Welfare, ma affido alla stampa il rammarico per tanta indifferenza rispetto ad una situazione nota, che per molti residenti permane essere una situazione di allarme per se stessi e per i loro figli”.