breaking-news, Italia

Terremoto in tempo reale: ultime notizie nuove scosse oggi Cilento (Campania)

Terremoto-in-tempo-reale-ultime-notizie-nuove-scosse-oggi-Cilento-(Campania)

Oggi, 3 marzo 2014, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma ha registrato una nuova scossa nel distretto sismico del Cilento in Campania.

Il movimento tellurico, di magnitudo 2.8, è avvenuto alle ore 7,26 di stamane ad una profondità di soli 3,7 chilometri dalla crosta terrestre.

I comuni vicini all’epicentro della scossa sono stati i seguenti: AGROPOLI, CAPACCIO, GIUNGANO, OGLIASTRO, CILENTO, PRIGNANO CILENTO, TORCHIARA, TRENTINARA provincia di Salerno.

La scossa è stata avvertita anche in alcuni quartieri della vicina città di Salerno.

Gli abitanti della zona colpita dal sisma, subito dopo l’evento, per paura, si sono riversati per strada e numerose sono state le chiamate alle forze dell’ordine ed ai pompieri.

La protezione civile campana, al momento, sta procedendo ai sopralluoghi di rito per controllare se vi sono stati danni alle strutture degli edifici pubblici.

La zona del Salento in questo ultimo periodo, più precisamente da circa una settimana,  è colpita da uno sciame sismico che sta terrorizzando la popolazione.

A cadenza giornaliera dal 1 marzo l’Ingv registra regolarmente una o più scosse superiori a magnitudo 2.0 oltre a centinaia di microscosse di assestamento.

La popolazione teme che da un momento all’altro ci possa essere una scossa di magnitudo molto superiore a quelle attuali che possa recare notevoli danni ai centri abitati e alla struttura economica della zona.

Al momento con i mezzi disponibili non è possibile prevedere quando e di che intensità sarà la prossima scossa che avverrà nel distretto sismico del Cilento.

Gli esperti dell’Ingv però da qualche giorno stanno monitorando con molta attenzione gli sviluppi dello sciame sismico in atto nella parte più a Sud della Campania quasi ai confini con la Basilicata.

Al momento l’unica certezza è che il Cilento come del resto tutta la Campania sono ritenute dagli scienziati zone ad altissimo rischio sismico come del resto tutta la zona appenninica italiana.