breaking-news

Elezioni Comunali a Bari: centrodestra, i probabili candidati alla presidenza dei Municipi

Elezioni-Comunali-a-Bari-centrodestra-i-probabili-candidati-alla-presidenza-dei-Municipi

Sembra delinearsi la composizione della colazione di centrodestra alla prossime comunali di Bari previste per domenica 25 maggio.

Dopo alcune fibrillazioni all’interno del centrodestra, che vedevano una sostituzione in corsa del candidato sindaco, ora sulla candidatura Di Paola sembra tornato il sereno.

Anzi, la coalizione si è rafforzata con l’adesione di Fratelli d’Italia, avvenuta dopo le primarie di domenica scorsa e si spera che all’ultimo momento aderisca al progetto di Di Paola sindaco anche l’Udc di Pierferdinando Casini.

Fratelli d’Italia avrà la poltrona di vicesindaco che sarà occupata dall’esponente barese di spicco del movimento Filippo Melchiorre.

Ora bisogna chiudere il cerchio sulle presidenze dei cinque municipi.

Due a testa dovrebbero essere di Forza Italia e del Nuovo Centrodestra, mentre uno al Movimento Schitulli.

Il Municipio sicuramente più ambito tra le due forze maggiori della colazione  Forza Italia e Ncd è quello più grande della città che comprende quartieri come Libertà, Murat, San Nicola, Madonella, Japigia e Torre e Mare e che conta una popolazione di più di centodiecimila abitanti.

Al momento sembra in vantaggio Forza Italia che potrebbe candidare come Presidente uno dei suoi uomini più rappresentativi baresi che recentemente ha ricoperto anche cariche istituzionali di rilievo.

Al Nuovocentrodestra dovrebbero andare il Municipio che comprende il quartiere San Paolo che vedrebbe la riconferma del Presidente uscente Aldo Iannone.

Il partito guidato da Massimo Cassano dovrebbe avere anche la candidatura per il Presidente del Municipio di Carbonara,Ceglie e Loseto ma il nome, al momento, è top secret.

Forza Italia al Municipio di Poggiofranco e Carrassi dovrebbe candidare alla presidenza il consigliere provinciale uscente Fabio Romito.

Mentre il Movimento Schittulli per Palese-Santo Spirito punterebbe tutto su un altro consigliere provinciale uscente, Nicola De Matteo.