breaking-news, Italia

Riforma pensioni Renzi 2014: ultime notizie proposte, Madia e Poletti prepensionamento over 60, statali, Quota 96 e precoci

Riforma-pensioni-Renzi-2014-ultime- notizie-proposte-Madia-e-Poletti-prepensionamento-over-60-statali-Quota-96-e-precoci

Le elezioni europee sono terminate con un grandissimo successo personale di Matteo Renzi  che si è detto commosso da un simile attestato di stima.

Ora l’esecutivo dell’ex sindaco di Firenze deve riprendere il cammino del rinnovamento intrapreso e in agenda ci sono la riforma della pubblica amministrazione e della giustizia che dovrebbero essere varate nel prossimo mese di giugno.

Con la riforma della pubblica amministrazione targata Madia si ritornerà già a parlare nei prossimi giorni di pensionamento che dovrebbero riguardare un numero consistente di dipendenti statali, si parla di quasi venticinquemila unità.


Anche il Ministro del lavoro Giuliano Poletti dovrebbe a breve riconvocare il tavolo tecnico con i componenti della commissione lavoro Senato e Camera e i dirigenti dell’Inps per ridiscutere il problema riguardante gli esodati e i quota 96.

L’intenzione del ministro del welfare di chiudere una volta per sempre il discorso esodati e dei lavoratori e lavoratrici del comparto scuola rientranti nella categoria dei Quota 96.

L’intenzione è quella di ricorrere ad un svicolo pensionistico mediante la pensione anticipata che permetta di poter essere accompagnati gli esodati e i Quota 96 alla pensione.

Poletti intende proporre una formula di prepensionamento per tutti i lavoratori che hanno superato il sessantesimo anno di età e per accedere alla pensione devono lavorare ancora massimo per un altro anno e mezzo.

In questa formula di prepensionamento potrebbero rientrare anche i lavoratori precoci che hanno raggiunto da tempo il massimo dei contributi, avendo cominciato a lavorare già dalla tenera età, ma non hanno il requisito anagrafico.

Poletti ha ribadito più volte che non si tratterà di un prestito pensionistico e quindi i lavoratori, quando avranno raggiunto i requisiti pensionistici, non dovranno restituire nulla o allo stato o all’Inps.