breaking-news, Italia

Fine di un incubo per tre giovani dispersi in montagna a Pordenone ritrovati sani e salvi

Fine-di-un-incubo-per-tre-giovani-dispersi-in-montagna-a-Pordenone-ritrovati-sani-e-salvi

E’ terminata la disavventura di tre ragazzi dispersi a ferragosto tra le montagne della Valcellina in Friuli Venezia Giulia a Pordenone.

I tre giovani escursionisti sono stati trovati sani e salvi nei pressi di Molassa alle 11,30 di ieri.

Le ricerche per i tre ragazzi di soli 24 anni dispersi fra le montagne di Andreis hanno avuto inizio di ieri con l’utilizzo di più di mille uomini provenienti da ogni parte della regione ed appartenenti alle squadre speciali Saf dei vigili del fuoco,  ai carabinieri, al soccorso alpino e la protezione civile.

Le ricerche sono state agevolate anche da un elicottero che ha spiccato il volo dalla base di Andreis ed ha perlustrato tutta la zona della Valcellina.

I tre ragazzi friulani Matteo Cervesato, Tiziano Mele di Cordenons e Andrea Giacomin di Torre di Pordenone avevano come scopo effettuare un’escursione sulle montagne vicine a Bosplans di Andreis e per questo motivo avevano raggiunto la casa dei nonni, di uno dei tre e alla vigilia di ferragosto si sono incamminati verso boschi e i sentieri della zona.

La loro meta finale era Casera Pradut, a Claut  e per arrivarci erano  partiti muniti di tutte le attrezzature necessarie e di sacco a pelo ma alla destinazione non sono mai giunti.

A mezzogiorno del 15 agosto vi è stata l’ultima comunicazione con la fidanzata di uno dei tre giovani escursionisti poi il silenzio probabilmente perché le batterie degli smartphone si erano scaricate.

L’allarme della scomparsa è stato dato nella tarda serata di ferragosto dalla mamma di uno de tre dispersi ma poi finalmente dopo una notte di paura il ritrovamento.