breaking-news, Italia

Tikrit, esercito iracheno sospende offensiva contro Isis

Tikrit-esercito-iracheno-sospende-offensiva-contro-Isis

La controffensiva dell’esercito iracheno contro le truppe del Califfato si è fermata a pochi chilometri dalla città di Tikrit.

Tikrit è una delle città più grandi dell’Iraq e si trova a soli 140 chilometri da Baghdad, capitale dell’Iraq.
Solo alcuni giorni fa la battaglia che si sta svolgendo nei pressi della città di Tikrit ebbe un grosso risalto mediatico perché provocò la distruzione della monumentale tomba dell’ex dittatore iracheno, Saddam Hussein.

Le milizie regolari dell’esercito iracheno, da informazioni che arrivano direttamente dal governo, si sono fermate all’ingresso di Tikrit.

Le truppe dell’esercito iracheno, al momento, non hanno intenzione di tentare l’offensiva per la conquista  Tikrit perché da alcuni generali dell’esercito l’importante città, ancora nelle mani degli uomini del Califfato,  viene considerata una grande trappola.

I terroristi islamici, secondo sempre fonti provenienti dal governo iracheno, hanno reso molto difficoltoso l’accesso a Tikrit perché hanno minato tutte le vie d’ingresso all’importante città.

Anche alcuni palazzi importanti della città di Tikrit sono state oggetto, da parte dei terroristi islamici, di posizionamento di mine.

Un ingresso da parte dell’esercito regolare iracheno a Tikrit, se non venisse prima fatta una grande opera di sminamento , provocherebbe ingenti perdite di uomini che potrebbero provocare non poche polemiche da parte della popolazione irachena contro l’attuale governo.


Jawad al-Etlebawi, comandante delle truppe sciite che combattono a fianco delle milizie irachene in questa dura battaglia contro l’esercito del Califfato, ha dichiarato che per conquistare la città di Tikrit ci vorrebbero delle truppe speciali in grado di combattere una vera e propria guerriglia urbana.

L’autorità militare sciita ha anche detto che l’esercito iracheno e le truppe sciite non sono addestrate per effettuare combattimenti del genere.

Per questo motivo il governo iracheno ha deciso di far fermare le proprie truppe all’ingresso della città di Tikrit.

Il governo iracheno , inoltre, ha in mente di sfiancare le truppe del Califfato con continui bombardamenti da parte dell’aviazione.

Le autorità irachene hanno anche chiesto alla coalizione dei paesi occidentali di inviare i propri aerei in Iraq in modo da bombardare in modo massiccio le truppe del Califfato che si trovano nella città di Tikrit.