La mamma di Fabrizio Corona una furia contro Nina Moric dopo una foto della modella: “E tu saresti una madre?”

Le tensioni familiari tra Gabriella Corona e Nina Moric esplodono su Instagram, evidenziando i difficili rapporti passati e presenti

La tensione tra Gabriella Corona e Nina Moric è salita alle stelle dopo che una foto pubblicata sui social da Nina con il suo nuovo compagno ha scatenato una dura reazione della suocera.

La madre di Fabrizio Corona, visibilmente contrariata, ha lasciato un commento tagliente sotto l’immagine: “E tu saresti una madre? Non sei degna di un ragazzo per bene come Carlos“. Nina Moric, da parte sua, ha risposto indirettamente con un meme che recita: “Non giudicare nessuno nella tua vita”.

La Risposta di Nina Moric

Dopo aver condiviso lo screenshot del commento di Gabriella, Nina Moric ha scelto di non rispondere direttamente, ma ha pubblicato una storia che sembra una chiara allusione all’accaduto: “Non giudicare nessuno nella tua vita. Le persone buone ti danno la felicità. Le persone cattive ti danno l’esperienza. Le persone peggiori ti daranno delle lezioni mentre quelle migliori ti daranno ricordi”. Nel frattempo, Fabrizio Corona, che attualmente si trova in vacanza a Formentera, ha deciso di non commentare pubblicamente l’accaduto.

Relazioni Tese e Passato Turbolento

La relazione tra Nina Moric e Gabriella Corona non è mai stata serena. Nina, modella croata, è stata sposata con Fabrizio Corona dal 2001 al 2007 e, durante questo periodo, i rapporti con la suocera sono stati spesso difficili. Gabriella ha più volte espresso le sue opinioni sulla gestione del figlio della coppia, Carlos, nato nel 2002. Attualmente, Carlos ha 22 anni e vive una situazione delicata. In un’intervista a Belve, Fabrizio Corona ha dichiarato: “Carlos sta male. Non voglio entrare nella malattia. Ho lottato per anni e in questo momento sono in una fase molto brutta. Ho abbandonato la speranza. Devo ritrovare la forza per ritornare. Devo affrontarla e conviverci. In questo malessere né io né Nina abbiamo responsabilità”.